Halloween a Edimburgo

Halloween a Edimburgo

Lo scorso Halloween sono stato qualche giorno ad Edimburgo per vedere la città e respirare l’atmosfera di quei giorni.

Sono rimasto dal 28 Ottobre al 31 Ottobre e la città aveva quel che di magico che piace e attira.

Sicuramente uno dei migliori periodi in cui visitare Edimburgo, anche perché il clima non è così freddo e le giornate sono ancora tutto sommato belle e non troppo corte.

Di cose da vedere ce ne sono tantissime e le persone sono sempre disponibili e cordiali.

Soffermatevi di più a respirare l’atmosfera di chi ci vive e quindi cercate posti meno turistici, senza dimenticarvi però quelli classici. Una passeggiata nei parchi è sicuramente molto interessante e rilassante.

Non mi dilungo oltre visto che tutte le indicazioni e luoghi sono descritti nei video dei 4 giorni ad Edimburgo.

Buona visione…

Giappone 2016 – A New Trip

Giappone 2016 – A New Trip

Finalmente sono riuscito nella mia impresa titanica di tornare una terza volta in Giappone, dopo l’impresa del 2013 e l’avventura del 2009.

Questa volta ho fatto molto di più!

Non parlo dal punto di vista tecnico. Per narrarvi questa avventura infatti sfrutterò sempre Twitter (e il suo Periscope), Flickr e YouTube con aggiornamenti però in diretta sfruttando un router wifi o access point pubblici e una nuova specie di GoPro cinese pagata ben €35 spedizione inclusa.
Quindi cosa ho fatto realmente di più!?

Ho creato il mio primo viaggio di gruppo in Giappone! I miei Viaggi Personali si stanno realizzando.

Ebbene si ho sostituito il Baka-san con altri sei baldi avventurieri che si sono affidati alle mie incredibili capacità di organizzatore di viaggi in Giappone.
Una sfida per me e un gesto di fiducia non da poco nei miei confronti che spero di non deludere. Per questo ho preparato tutte le tappe del viaggio e gli spostamenti pianificando ogni giornata così da riuscire a goderci appieno questo viaggio di soli 10 giorni effettivi di permanenza.

State Connessi!

Tra poco partirà il viaggio quindi non dimenticate di seguire i miei social e aspettate l’aggiornamento quotidiano di questa pagina con il video della giornata (+7h in Japan)

Giorno 1
Un vero e proprio tour de force con troppa burocrazia e file interminabili all’ingresso in Giappone. Ben 2h perse solo per quello.

Giorno 2
Passeggiata sotto un sole cocente tra Hiragashiama Kurodani Yoshida e Ginkakuji. Senza mettere le noie tecnologiche.

Giorno 3
Giornata passata a Kurama anche mangiando vegetariano e facendo un onsen. Terminata a mangiare sushi e con una passeggiata per Gion vecchia.

Giorno 4
Giornata al castello di Himeji con capatina in altro tempio a Kyoto e poi mega okonomyaki per cena.

Giorno 5
Arrivati all’ultimo giorno a Kyoto con tanti luoghi poco frequentati da turisti. Per fortuna visto che in altre parti era pieno di italiani maleducati che non sapevano minimamente comportarsi in Giappone. La chicca di un bellissimo evento dove ero l’unico non giapponese.

Giorno 6
Trasferimento da Kyoto a Tokyo per scoprire che un tifone rischia di sfiorare la capitale nei prossimi giorni. Così abbiamo passato il pomeriggio a fare i nerd ad Asakusa e poi a Shibuya. Con tanto di Neko caffè.

Giorno 7
Mentre gli altri compagni di viaggio se ne vanno a Nikko io ho passato la giornata per quartieri comuni di Tokyo con il Baka-san e i suoi compagni. Purtroppo è piovuto e il tempo non sembra migliorare.

Giorno 8
Vista la bella giornata inaspettata ci si è fiondati a Kamakura per poi rientrare ad Akihabara e infine giro notturno a Shinjuku.

Giorno 9
Partenza dal mercato del pesce con tanto di pranzo di sushi a Zanmai. Poi giro ad Odaiba e mega temporale che ha messo in difficoltà pure Gundam. Infine passaggio al sony building e infine a trovare Jiro sushi.

Giorno 10
Ultimo lunghissimo giorno in Giappone, con tentativo di andare al cinema a vedere Shin Godzilla e poi un passaggio per le meglio vie. Rientro lunghissimo con Emirates però molto comodo.


Grazie per averci seguito e supportato.

Una giornata a Mirabilandia

Una giornata a Mirabilandia

130929
Ogni tanto per svagarsi, rilassarsi e non pensare a tutti i problemi che ci affliggono, e in questi giorni in Italia i problemi non solo personali ma politici non sono certo pochi, ci vuole per rinfrancarsi.
Ebbene grazie a buoni sconto e ad un sabato di fine settembre positivo dal punto di vista meteorologico, la scelta per questo bisogno di appagarsi è caduta su Mirabilandia.
Tutte le volte parto per andare a questo parco divertimenti con tutti i buoni propositi di dargli un’ulteriore possibilità eppure tutte le sante volte continuo ad uscire dicendo la solita frase: “Gardaland mi piace di più”. Il punto è che non esco deluso da Mirabilandia, anzi, però non sono così soddisfatto come da Gardaland. Sinceramente non so perché ma forse è l’atmosfera ad essere diversa o il fatto che quando ero piccolo c’era solo Gardaland e i miei ricordi felici sono più legati a quel parco.
Questo sabato devo ammettere che per essere un fine settimana con tanta gente tutto è andato per il verso giusto perché la fila più lunga è stata di 30-35 minuti all’ispeed ma la media non ha superato i 10m e la cosa è stata abbastanza sorprendente anche perché ogni volta che uscivamo c’era la fila più lunga di quando eravamo arrivati.
Comunque questo tipo di parchi divertimento sono veramente tanto costosi per una famiglia senza l’utilizzo di sconti e sinceramente con l’introduzione dei saltafila e i costi per altre amenità collaterali il tutto è ancora e sempre più caro. Questo non toglie che i costi di gestione di un’apparato del genere siano esorbitanti quindi non voglio dire più di tanto.
Il consiglio che voglio dare a tutti però è quello di pianificare bene il giorno in cui andare, magari fra settimana e in un periodo caldo perché altrimenti c’è troppa ressa, 1h di fila per 1m di attrazione è un’assurdità, e si rischia di non godersi le attrazioni bagnate. Quindi meglio giugno o i primi di settembre.
Ora beccatevi mo la mia giornata con il compare Villa dispersi là per il parco.